Caltavuturo

Sovrastato dal monte "Rocca di Sciara", è un centro nato come antica roccaforte in periodo presumibilmente bizantino, che vide nel corso dei secoli svariate dominazioni.
Situato nel cuore delle Madonie, ha una ricchissima storia antica, essendo uno dei centri molto vicini all’antica Himera. Interessante come, nei pressi di tale zona, vi sia una pianura chiamata dai caltavuturesi "chiana chianta", da alcuni studiosi tradotto come "pianta piana" (ossia semplicemente "pianura"); secondo altre interpretazioni, invece, significherebbe "piana del pianto", in memoria di un'antica e atroce battaglia combattuta presso tale luogo (di cui peraltro narrano anche i miti locali). Tale elemento apre spiragli alla possibilità di un'origine ben più antica di quella risalente all'epoca bizantina, tuttavia senza alcuna prova certa. Tra i principali luoghi di interesse il “Castello di Terravecchia”  eretto su una precedente costruzione araba. Ruderi ben visibili sulla rocca sovrastante il paese. Chiesa della Madrice o "chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo" e la “ "Chiesa del Santissimo Crocifisso" o "Chiesa di San Francesco dei Padri Riformati" e l'antistante Piazza San Francesco. Tra le manifestazioni di interesse troviamo la festa del” Fungo Ferla”: sagra con degustazione e vendita di funghi autoctoni (selvatici e coltivati), formaggi, salumi e altri prodotti tipici.